Revoca sospensione attività agricola anche con contratto breve

Revoca sospensione attività agricola anche con contratto breve

Il provvedimento di sospensione dell’attività  per occupazione irregolare  nel settore agricolo puo essere revocato anche grazie alla regolarizzazione effettuata con contratto a tempo determinato breve, inferiore a tre mesi, diversamente da quanto prescritto dalla prassi precedente.

Lo specifica l’ispettorato nazionale del lavoro nella nota n. 151 pubblicata ieri 2 febbraio 2022,  con il parere positivo del Ministero del Lavoro . Il documento si occupa anche il caso di regolarizzazione  riguardante lavoratori extracomunitari privi di permesso di soggiorno.

 Vediamo   allora piu in dettaglio i chiarienti forniti dall’Ispettorato.

Condizioni di revoca provvedimenti di sospensione

Nel settore agricolo  e nei settori produttivi caratterizzati dalla stagionalità o dalla natura avventizia delle prestazioni di lavoro, è possibile la revoca del  provvedimento attraverso la regolarizzazione del rapporto di lavoro  con un contratto a tempo determinato di durata inferiore a tre mesi.

La nota specifica le seguenti condizioni :

  • la durata del contratto deve essere  compatibile con la prestazione di lavoro subordinato già resa
  • resta fermo il pagamento della somma aggiuntiva (2.500 euro fino a 5 lavoratori irregolari e, oltre tale soglia, 5mila euro).

L’ispettorato ricorda che la circolare del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali 26/2015, in relazione alle condizioni necessarie per la revoca del provvedimento di sospensione,  richiedeva oltre al pagamento della somma aggiuntiva, che la regolarizzazione avvenisse  «di norma mediante le tipologie contrattuali indicate dalla disciplina in materia di maxisanzione, ovvero con un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, anche a tempo parziale con riduzione dell’orario non superiore al 50% o con contratti a tempo pieno e determinato di durata non inferiore a tre mesi». 

 Si specifica pero , ora ,che per il  lavoro stagionale  come quello agricolo  considerata la peculiarità temporale delle esigenze di questo settore , è possibile una regolarizzazione con forme diverse .

La nota comunque che in tali casi  pur essendo possibile la revoca provvedimento di sospensione, il datore di lavoro non potrà essere ammesso al pagamento della diffida, comunque impartita, in base all’articolo 13 del Dlgs 124/2004, che consentirebbe il pagamento delle sanzioni minime 

Sospensione per lavoratori extracomunitari senza permesso

In risposta al secondo quesito  riguardante la regolarizzazione dei lavoratori extracomunitari privi del permesso di soggiorno, nella Nota si afferma che ” pur nella impossibilità di una piena regolarizzazione e tenuto conto delle differenti modalità di pagamento dei  contributi previdenziali per il settore agricolo, in linea con quanto già chiarito con ML circ. n. 26/2015, il datore di lavoro dovrà fornire prova del pagamento della somma aggiuntiva ai fini della revoca e

  1. provvedere al versamento dei contributi di legge laddove i termini siano già scaduti, oppure
  2.  fornire prova della avvenuta denuncia contributiva secondo le modalità previste dall’INPS. “

Questo aspetto era già stato chiarito nella  circolare 26/2015   con le istruzioni operative sulle sanzioni del d.lgs 151 2015, che nelle FAQ allegate alla nota Inl 5546/2017.

Condividi questo post

Lascia un commento


Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online.
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media.
Premendo il tasto Accetto si acconsente all'uso dei cookie.
Per saperne di più consulta la nostra informativa sull’uso dei cookie o il nostro Centro Privacy per il trattamento dei dati.